Home > Luoghi abbandonati
Click to view full size image
la morte
Per esaminare questa immagine di Giovanna  ci vuole un po’ di coraggio in quanto fa parte di quelle immagini che io colloco nel “concettuale”, immagini forti, d’impatto, senza dubbio costruite (e questo comporta il fatto che non sono ammissibili errori tecnici). Immagini fatte per veicolare un messaggio, che vogliono parlare, l’importante in questo genere è che il risultato ottenuto e cioè di comunicare sia riuscito.
Intanto cominciamo a leggere la fotografia dal lato puramente indiziale, cosa ci dicono i particolari inseriti nella fotografia, collegati con il titolo, visto che è presente (una fotografia costruita dovrebbe partire da un progetto con un titolo, e non il contrario, come spesso accade, si scatta e poi si dà loro un titolo, ma non è certamente questo caso).
Titolo forte, forse il più forte insieme all’amore, alla vita, ci vorrebbe una moneta a tre facce per includere questi elementi in un’unica trinità, partendo dal titolo vediamo la scelta del set per questo evento tragico, quanto inevitabile, possiamo solo sperare che avvenga il più tardi possibile, il set a mio parere è buono, è presente una scritta che riconduce verticalmente al titolo, senza passare per tangenti complicate da decifrare, la scritta “morirete” è accompagnata da una croce, simbolo della passione di Cristo, della sua sofferenza sulla croce dove fu giustiziato, quindi un elemento inserito molto chiaro e appropriato.
La cromia dello sfondo invece, non è il massimo, è un blu/celeste abbastanza cupo, ma è pastellato, e i colori pastelli non si accostano bene alla morte, buonissimo invece l’elemento scrostato del muro, nasciamo in perfetta forma, e man mano che gli anni passano ci degradiamo, quindi il richiamo è perfetto.
Trovo che il nero che parte da sinistra e sfuma nella cromia sia azzeccato, la morte da sempre è un mistero per noi umani, e quindi una zona nera, sta ad indicare questo mistero, del resto il buio, l’ignoto, hanno molto in comune con la morte, per noi sono sinonimo di paura, incertezza… La zona nera è situata davanti alla ragazza, davanti a lei l’ignoto, a destra troviamo la luce, dove la vittima può vedere la scritta e la croce, la ragazza ha davanti a se l’ignoto e la sofferenza, niente altro!!!
E veniamo al corpo della ragazza, i suoi muscoli tirati rendono bene la sensazione di sofferenza, quando soffriamo i nostri muscoli si tendono come corde di violino, e la morte rappresentata in questa immagine, non è certo una morte naturale, le mani collocate in alto unite, non lasciano dubbi, un’immagine che si collega ad una tortura a una prigionia, senza dubbio qualcosa di poco piacevole.
Il messaggio secondo me c’è tutto, chiaro e ben leggibile grazie agli elementi che abbiamo a disposizione per leggere la fotografia, ben sistemati ed ordinati nella classica lettura occidentale sinistra/destra, sono propenso a pensare che Giovanna  abbia centrato in pieno il concetto che voleva esprimere, la trovo un’immagine ben fatta e scorrevole, sul piano concettuale e narrativo, un’immagine secca che racconta molto.
All’inizio ho accennato ad un concetto, “Un’immagine costruita non ammette errori tecnici” e non potrebbe essere diversamente, qui è tutto fermo, la modella è nelle nostre mani, e deve muoversi, posizionarsi come vogliamo, la macchina fotografica in questi casi dovrebbe essere su un bel robusto cavalletto, la luce in nostro possesso plasmata come vogliamo.
Su questo piano, questa immagine poteva essere migliore, a parte lo sfondo, che può essere senz’altro opinabile, senza essere paragonato ad un mappamondo però, la modella soffre di una definizione non al top di gamma, le mani, pur lasciandole in quella posizione per la lettura dell’immagine, fossero state leggermente più leggibili non avrebbe guastato, si tratta senz’altro di dettagli che non inficiano l’immagine. Dare un senso di vertigine, come dice Giovanna, non è facile, si poteva provare con qualche scatto a modella invertita, potendo vedere l’espressione del volto, ma sinceramente la preferisco così, preferisco che l’autrice mi abbia lasciato la possibilità di leggere con la mia fantasia l’espressione del volto, i suoi lineamenti, la sua sofferenza, la vertigine però non la leggo, si poteva tentare con uno sfuocato più deciso, morbido ma forte allo stesso tempo, con il rischio però di rendere scritta e croce troppo poco leggibili, e sono dettagli molto importanti per la lettura.
Concludendo, secondo me questa è una fotografia riuscita, una fotografia che ci parla e ci descrive delle emozioni molto chiaramente, dei concetti, delle realtà che a volte magari tendiamo a fuggire, e questa parte della fotografia merita una “recensione”, ricordo a tutti che costruire un’immagine è più difficile di quanto si pensi, tecnicamente potrebbe stare nella “foto mancata” ma non è poi così scarsa tecnicamente, ha qualche piccola imperfezione, che poteva essere eliminata, nel complesso è un’immagine di un buon livello, nel suo campo di un livello medio alto……….Complimenti per il lavoro………….
 
Riccardo Corsini
to.jpg No-fear.jpg Pareti_-_DSC_0771_c_vsmall.jpg ©_Saro_Di_Bartolo_vintage_car_ghost_town_bodie_cal_dark_clouds_43536_005car4_1200mm4.jpg persa.jpg
File information
Filename:to.jpg
Album name:de benedictis giovanna / Luoghi abbandonati
Keywords:$$rece
File Size:259 KB
Date added:Feb 06, 2010
Dimensions:850 x 567 pixels
Displayed:365 times
Exposure Time:1/80 sec
FNumber:f 4
Focal length:30 mm
ISO:400
Max Aperture:f 4
Model:Canon EOS 350D DIGITAL
URL:http://www.micromosso.com/galleria/displayimage.php?pos=-51737
Favorites:Add to Favorites
Paolo Corradini  Send PM [Feb 06, 2010 at 03:38 PM]

l'ho guardata e riguardata ma non so il titolo non è che rappresenta la foto piuttosto la ragazza sembra quasi predere un pugnale in mano..l'avrei preferita senza la scritta e spostata piu' sull'oscurità avrebbe avuto un maggiore impatto...comunque complimenti per la ricerca intensa e non banale dell'immagine
che ti contraddistingue :)
ciao

bagdesign  Send PM [Feb 06, 2010 at 03:39 PM]

Una bella immagine, forte, ben costruita e ben realizzata. Ci sono due punti che avrei curato di più, quella parte scura che sbuca dietro la ragazza che confonde il profilo del corpo e quel triangolo beige che si vede sotto la parete azzurrina. Per il resto è una foto di pregevole fattura.

Alessandro Iacchellini  Send PM [Feb 06, 2010 at 04:10 PM]

è un'immagine forte, drammatica, con quella disarmonicità dei muscoli del dorso contratti per non mollare la presa (se c'è una presa) che trattiene un sofferente gemito... ma potrebbe essere anche una prova d'amore sadico.
Nell'insieme una grande foto con molti particolari interpretabili come il mappamondo disteso di fronte.

Marco Furio Perini  Send PM [Feb 06, 2010 at 04:54 PM]

Tanti elementi compositivi dell'immagine, sinceramente faccio fatica a collegarli in un senso compiuto, in un messaggio chiaro ed immediato. Ciò non toglie che l'immagine in qualche modo mi attrae, cupamente, torbidamente, ma mi incuriosisce...

de benedictis giovanna  Send PM [Feb 06, 2010 at 07:00 PM]

buona sera a tutti.. la parete scrostrata , vecchia , lurida di questo postaccio scovato alla periferia della mia città vi da l' idea di un mappamondo??... ahhahahahah in basso si nota la scritta reale MORIRETE.....
con questo mezzo nudo in tensione ho voluto quasi dare vita ad una sensazione di malessere e di disperazione nel degrado ...

Franchetti  Send PM [Feb 06, 2010 at 09:18 PM]

un'ottima immagine che sicuramente ha risvegliato l'interesse e una ricerca del messaggio
Ha alcuni diffettucci che sicuramente in futuro riuscirai ad evitare

giannimazzesi  Send PM [Feb 07, 2010 at 02:36 PM]

Concordo con Franchetti.
Non ho altre parole...
Ciao

de benedictis giovanna  Send PM [Feb 07, 2010 at 03:02 PM]

questa foto è stata forse elaborata in modo da evidenziare un po' di sfocatura per dare il senso delle vertigine dell' istabilità ..
che ha reso lo scatto meno preciso e con alzare un po' i contrasti le zone d' ombra si sono un po' caricate..
mi accorgo che a volte la post produzione puo' in qualche modo danneggiare uno scatto preciso e studiato..

Fabio Keiner  Send PM [Mar 03, 2010 at 11:10 PM]

intenso

staff  Send PM [Jul 05, 2011 at 12:23 PM]

foto recensita il 5-7-2011 e inserita nel BLOG

Felice La Porta  Send PM [Jul 05, 2011 at 01:46 PM]

trovo l'immagine riuscita nella sua parte compositiva, con ogni elemento nel posto giusto. la luce e la sua gestione secondo me e considerando il tipo di immagine hanno una ottima resa complessiva: niente è nascosto nel buio- o peggio nel nero- totale ed il corpo della modella è a mio avviso assai bene illuminato.
Tuttavia tutto questo non riesce a farmi ricondurre l'immagine al titolo quindi al concetto che si desidera esprimere; per essere più preciso posso dire che se non leggo il titolo e quindi l'esplicitazione dell'intenzione, ma mi limito ad osservare la foto, io non ci leggo la morte.
Certo è vero che si sono collocati elementi che indubbiamente la richiamano, ma ritengo che tali elementi siano una forzatura della lettura, che siano voler guidare l''osservatore a vedere ciò che in realtà non c'è.
I concetti sono delle brutte bestie: hai voglia a dire a qualcuno che ha la casa allagata che in fondo è solo mancanza di siccità, lui la penserà inevitabilmente in modo diverso.
Voglio dire... ovviamente secondo me.
Felice

Franchetti  Send PM [Jul 15, 2011 at 03:41 PM]

mi fa piacere vederla nelle recensioni perche` cosi` posso scoprire un nuovo mode=o di leggere una foto che mi era gia` piaciuta e che ora apprezzo ancor di piu`!




 

   
© 2006-2018 MICROMOSSO.COM
Tutte le immagini e i testi pubblicati su questo sito appartengono ai rispettivi autori, che si assumono la responsabilità dei contenuti.
E' vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti di questo spazio, senza autorizzazione diretta degli autori.