Home > Bianco e Nero

st
19.jpg Attacco_al_guggenheim-1_WEB-2.jpg mendicante5.JPG Aahhh.jpg LTR--IMG_0281.jpg
File information
Filename:mendicante5.JPG
Album name:Stefano Polenta / Bianco e Nero
Rating (1 votes): (Details)
File Size:173 KB
Date added:Jun 27, 2009
Dimensions:600 x 800 pixels
Displayed:177 times
URL:http://www.micromosso.com/galleria/displayimage.php?pos=-38691
Favorites:Add to Favorites
Valeria  Send PM [Jun 27, 2009 at 05:21 PM]

Toccante .. senza voler dare giudizio alcuno .. due mani in segno di preghiera in cambio di due soldi ..
buono e molto discreto il punto di ripresa ..

giacomo saviozzi  Send PM [Jun 27, 2009 at 08:05 PM]

foto incondivisibile. Anche se il BeN e la composizione fossero da oscar è una foto inutile da buttare

giacomo saviozzi  Send PM [Jun 27, 2009 at 11:49 PM]

( mi è arrivata tramite Valeria) risposta tramite MP ( come mai non hai risposto pubblicamente?) perché credo possa aiutare sia a me per farmi capire e far capire la mia risposta sia a chi legge alcune "dinamiche" buffe, a mio avviso che capitano all'interno di un forum.
E' ovvio che si tratta di un pensiero personale, se così non fosse stato non avrei "firmato" con il mio nome e cognome ma avrei sicuramente detto: " Mario Rossi ha detto...". Non credo di aver offeso nessuno e tanto meno te a dire che la foto è incondivisibile. Da cestinare. Tutt'altra cosa da esprimere giudizi sulle persone e sugli autori. Per quanto riguarda i commenti alle foto che non piacciono a differenza di te, di molti altri credo ancora nella condivisione, nell'interscambio culturale e non solo per quanto riguarda la fotografia e i forums. Credo ancora che se qualcuno mette una foto è perché essa sia commentata sia positivamente che negativamente.
Naturalmente non sono favorevole ai commenti come il primo che ho messo. Ma l'ho messo, così in modo perentorio perché temevo di scrivere un po' e di non ricevere nemmeno una risposta. Il fatto che ho ricevuto un MP anziché una risposta pubblica avvalora il mio timore. Non mi piace ricevere MP, non li mando e non mi piace riceverli nemmeno dagli "amici" esiste ancora il telefono, skype, l'email e sopratutto a un commento si risponde con un commento non con un messaggio privato ( non so ma mi sa di minaccia, di cosa fatta sottobanco).

Detto ciò voglio motivare il perché del mio primo commento, anche se credo che a te importi poco e tanto meno a chi legge. Ma lo faccio più per me, per la mia "onestà intellettuale". E' una foto da buttare e politicamante scorretta perché non credo sia "onesto" fotografare un Clochard, un mendicante, un mendecatto per ricevere applausi e commenti su un forum. Non credo sia onesto perché non trovo in questa foto, come in molte altre che mi capita di vedere e commentare anche altrove una ragione valida oltre il fatto di "servire" per gratificare l'ego dell'autore. Non ci vedo una denuncia, non vedo nulla che non sia possibile vedere tutti i giorni agli angoli della città e che facciamo "finta" di non vedere. Non credo che questa foto faccia capire, vedere, scandalizzare, sensibilizzare, su un "problema" Trovo che sia piuttosto un "esercizio di stile" un BeN e una composizione nemmeno poi così travolgente. Mi da l'impressione della foto "rubata" anche se può anche non esserlo. Non credo sia un "operazione" meritoria fotografare un ciottolo con alcuni spiccioli e due mani giunte, non lo è perché quelle mani stanno chiedendo aiuto e non di essere fotografate. E anche se la foto fosse costruita il messaggio che trasmette è il solito.
Non sono daccordo a fotografare il dolore senza il consenso delle parti. Prima di fare queste foto mi piacerebbe che l'autore provasse a calarsi nei panni di chi stà chiedendo l'elemosina e per un istante buttasse via tutto il suo corredo fotografico da migliaia di euro, la sua famiglia, i suo bel lavoro in ufficio, la Mercedes con il cambio automatico e gli interni in finta radica, la moglia con il bracciale d'oro, la figlia all'università, si mettesse in ginocchio, sul sagrato della chiesa, con i vestiti logori le scarpe sfondate (non le nike fatte con lo sfruttamanto dei bambini cinesi). Fatto questo vorrei provasse a pensare a cosa vorrebbe se passasse una persona con tutti i nostri "bei" privilegi. Vorrebbe che ritraesse il ciottolino con pochi spiccioli? Le sue mani giunte in preghiera? L'umiliazione di essere mal vestito? Le scarpe logore? L'espressione del viso triste e segnato dalla miseria? Vorrebbe che la sua condizione di "miserabile" fosse sbattuta su un forum per far dire: "buono e molto discreto il punto di ripresa .." "hai apportato qualche modifica,oppure hai
copiato qualcun 'altro.Ciao"?

in fede G.Saviozzi

Valerio Pedalino  Send PM [Jun 28, 2009 at 04:24 AM]

Come dice Valeria la trovo una fotografia toccante e sottolineo la parola toccante, ho letto il punto di vista di Giacomo e lo rispetto ma non lo condivido, io non conosco Stefano ma non penso propio che abbia messo questa foto per ricevere complimenti o qualsiasi altra cosa ma solamente per far capire cio' che ci circonda. Tu Giacomo dirai( ma sappiamo gia' che esiste la poverta', la gente che soffre) io ti rispondo è vero, ma come tu saprai grandi fotografi come Robert Capa o Paolo Pellegrin hanno fotografato la guerra in tutta la sua crudezza e il suo orrore , pensi che lo abbiano fatto per il successo ? io credo lo abbiano fatto per far conoscere il dramma della guerra la sofferenza dei popoli in tali situazioni, alcuni mesi fa anche io mi sono permesso di fotografare una donna povera ma ti assicuro che non ho fatto questo per avere elogi ma solamente perche' gli altri possano comprendere compreso me stesso ( come siamo stati fortunati nella nostra vita e ringraziare il cielo per quel che si ha).Ovviamente Giacomo è soltanto il mio parere è non ho niente di personale con te e scusami se mi sono permesso di contraddirti

Marco Furio Perini  Send PM [Jun 28, 2009 at 06:53 AM]

Con tutto il rispetto per l'autore della foto (al quale riconosco intanto l'intelligenza di non aver mostrato alcun volto), qualunque fosse il suo intento, e qualunque sia stato l'approccio al soggetto, mi sento di condividere a grandi linee il pensiero di Giacomo. Lo dice uno che fino a qualche anno fa non si faceva problemi a fotografare anche questo tipo di scene, nella personale buona fede di rendere omaggio all' "arte fotografica" o presunta tale, nella convinzione di poter trasmettere una emozione qualsiasi alle persone alle quali avrei poi mostrato le foto. Poi, con l'esperienza, con la frequentazione delle community fotografiche in rete, con il ragionamento personale, ho pian piano cambiato pensiero, ed ho smesso di pubblicare questo genere di immagini. Vivo in una grande città, dove i mendicanti sono sempre più numerosi, dove la gente che fruga la mattina nei cassonetti della spazzatura è una realtà sempre più diffusa e più visibile. Che senso ha fotografare tutto questo, magari di nascosto, senza nemmeno prendersi il disturbo almeno di "chiedere" prima di scattare, per poi proporlo in un sito di fotoamatori che in un modo o nell'altro queste realtà le conoscono esattamente come le conosco io...?
Ben diversa secondo me è stata (e potrebbe ancora essere) la funzione, il ruolo fotografico di reporter come il citato Capa e tanti altri... Quelli rischiavano la vita (e parecchi ce l'hanno lasciata la vita...) per mostrare, svelare al mondo intero, ciò che quasi nessuno poteva vedere e conoscere allora (la televisione onnipresente ancora non esisteva ovunque)... ovvero i drammi e le sofferenze inflitte da uomini su altri uomini, da popoli su altri popoli. Fotografi quelli, che non smetterò mai di ringraziare dentro di me.

Luca Dessena  Send PM [Jun 28, 2009 at 09:47 AM]

Ho osservato la foto senza commentarla, immaginavo cmq che nen l bene o nel male non sarebbe passata inosservata. Dico solo questo: di base non sono d'accord a questo genere di scatti, fatti in questo modo, completamemte gratuito. Ciò non leva assolutamente la presunta buona fede dell'autore, che magari ha scattato la foto con tutte le buone intenzioni, sarebbe infatti opportuno avere anche il suo parere. Quello che a me viene sempre in mente quando vedo scatti cosi è questo: il permesso di scattare viene chiesto? Se viene chiesto e il soggetto ritratto chiede "PErchè vuoi fotgrafarmi?", cosa rispondiamo noi? "Sei sfigato quindi è giusto raccintare la tua sfiga?", "Perche sei folcloristico?", "La foto m i serve per un concorso?"... sarebbero risposte inadeguate in ogni situazione. Ora ripeto... sarebbe meglio sentire l'autore prima di puntare il dito.
Riguardo fotografi come Capa e compagnia cantante... il paragone non puo reggere per diversi motivi, in primis perhce stiamo parlando di FOTOGRAFI che eranon professionisti nel settore, venivano mandati appositamente NEI LUOGHI con lo scopo di DOCUIMENTARE un evento... la cosa quinid cambia oparecchio... in pratica benivano PAGATI per fare quello... il paragone non regge nella maniera piu assoluta.

Daniele Brandolini  Send PM [Jun 28, 2009 at 12:14 PM]

chissa perche' mi viene da chiedermi....se l'autore fosse stato un'altro.....probabilmente i giudizi erano diversi.....e lo si vede su moltissime foto....che come dice qualcuno....non dicono niente.....
unica pecca di questa foto,e' il taglio.ciao ciao

Marco Furio Perini  Send PM [Jun 28, 2009 at 03:33 PM]

Sinceramente, Daniele, non ricordo se o quando ho applaudito ad immagini di mendicanti che chiedono l'elemosina, o che stazionano sui gradini di una chiesa, o sul ciglio della strada... Se mi è capitato di farlo, probabilmente erano altri - all'interno dell'immagine - gli spunti tematici od estetici che hanno attratto la mia attenzione, non credo proprio (o almeno spero proprio di no) per soggezione o reverenza verso certi nomi anzichè altri ;-) Per me Stefano è una persona degna di stima al pari di tutti gli altri qui nel sito, un fotografo come tutti noi verso il quale mi sento di essere sincero come verso chiunque altro... Ciao

Luca Dessena  Send PM [Jun 28, 2009 at 03:52 PM]

Ripeto... i pareri possono essere tanti... anche a me non piaciono questi scatti... poi ogni foto è una sotria a se e va vista nel modo e nel momento i cui viene proporsta... aspetterei cmq l'intervento dell'autore, che come ho scritto prima penso abbia fatto tutto in buona fede.
Volevo aggiungere una cosa, Giacomo sono d'accordo con te piu o meno con tutto quello che hai scritto... però riportare un MP alle luce di tutti mi pare troppo... :roll: non so, io non lo avrei fatto a avrei risposto senza pubblicare il messaggio privato... :roll:

Daniele Brandolini  Send PM [Jun 28, 2009 at 06:17 PM]

Marco,quello che ho scritto,non era rivolto a nessuno,e tantomeno a te che lasci sempre dei suggerimenti mirati.
era un mio pensiero,che ho notato ultimamente,sul ns sito.
non avevavo ciao
Personalmente la foto non mi dispiace,e non mi sento nemmeno indignato.ciao

giacomo saviozzi  Send PM [Jun 28, 2009 at 06:25 PM]

Luca non mi sembra un Mp così privato da non poter riportare, anzi mi stupisce il fatto che una tale "risposta" sia stata fatta in privato anziché in modo pubblico. Ancora non ho capito il perché mi sia arrivata da Valeria. O meglio non so se parla a nome suo o a nome dell'autore. Se parla a nome suo è ancora più buffa la cosa. Sai benissimo che rispetto Valeria e che mi stà pure simpatica. Ma nonostante ciò mi ha stupito una reazione del genere, si parla della mai mancanza di rispetto nei suoi confronti? Perché lei precedentemente ha espresso un giudizio positivo? Perché siccome a lei la foto trasmette qualcosa ed il fatto che a me non lo trasmetta sia una mancanza di rispetto, nei confronti di chi? Avrei dovuto forse tacere perché prima di me ha scritto Valeria che la foto gli strasmetteva qualcosa? Non lo so magari spiegatemi voi cosa non ho capito. E' ovvio Luca che se il Mp fosse stato alro, fosse stata una cosa non pubblicabile e realmente privato mai mi sarei azzardato a pubblicarlo ma in tutta onestà non riesco ancora a capire perché certe cose siano possibile scriverle in Mp e non pubblicamente. Sarà che io sono abitato a considerare come "privato" ciò che realmente è privato, rapporti personali, il privato familiare, confessioni, etc.

Luca Dessena  Send PM [Jun 28, 2009 at 06:39 PM]

Ci puo stare Giacomo... tutto quello che hai scritto... io un MP lo avrei trattato solo come tale, e una risposta pubblica idem... tutto qui... in amicizia Giacomo chiaramente, so che non hai problemi a sentire gli altri pareri per quello te l'ho detto... solo che cosi possono nascere montagne da dei sassolini... tutto qui...
Anche io non ti afvrei inviato un MP ma se avessi avuto qualcosa da dire te lo avrei detto sotto la foto...con molta tranquillità, ma se un altro utente pensa che sia meglio un MP allora la discussione va trattata come tale... non so...

Stefano Polenta  Send PM [Jun 28, 2009 at 08:07 PM]

al ritorno dal mare, ho avuto la sorpresa di avere scatenato una diatriba a catena.....ma poi pensandoci bene,considerando l'argomento trattato ed il fatto che nessuno mi conosce a fondo,tanta sorpresa non e' stata.
I favorevoli ed i contrari a postare questo tipo di foto hanno tutti valide ragioni dalla loro parte.
Io personalmente penso che una composizione discreta,anonima non sia biasimabile...accetto comunque ogni commento...per la buonafede,la foto non vuole avere chiaramente un fine denigratorio del soggetto ripreso,ma solo quello di obiettivare una costante realta' quotidiana.A proposito su un altro sito(...) la foto fa parte di un piccolo portfolio dal titolo "non dimentichiamoci di loro" e penso che gia' questo dica tutto sulle mie intenzioni.


Spero che la buonafede possa essere tra noi reciproca.
Grazie comunque per l'attenzione di tutti (i pro e i contro)...ciao e a presto :!:

Luca Dessena  Send PM [Jun 28, 2009 at 08:22 PM]

Aprezzatissimo da parte mia il tuo intervento Stefano...

Luca Dessena  Send PM [Jun 28, 2009 at 08:37 PM]

Ci adi nuovo Stefano, sono adato su PR e ho visto la tua galleria, devo innanzitutto farti i miei copmplimenti per le belle immagini che ho visto. Ho visto che il portfolio che hai menzionato, personalmente rimango della mia idea, ma devo ammettere che insieme hanno un valore dverso, da cui traspare la buona fedee di cui aparlavo prima. Mi piacerebbe a questo punto che ci parlassi della storia che sta dietro questa tua esperienza, penso possa essere utile a tutti, me per primo... non è detto che capnedo meglio possa rivedere la mia posizione in merito. Sopratutto relativamente all'aproccio utilizzato nei confronti delle persone ritratte. Ciao e grazie

Stefano Polenta  Send PM [Jun 28, 2009 at 10:00 PM]

grazie Luca per aver perso un po' del tuo tempo a dare un occhiata alla mia galleria su PR.
Ritornando sull'argomento......il mio intento ed il mio parere sono quelli di dare dignita' ai soggetti ripresi soprattutto appunto non ignorandoli...criticare questo atteggiamento (mio e di chi la pensa come me) mi suona un pochino pretestuoso,farisaico....soprattutto non riesco a capire come qualcuno possa pensare che queste foto siano fatte in malafede,per scopi abietti...per l'approccio ti dico che vivo in una piccola citta' e con le persone riprese ci conosciamo di vista,talvolta ci salutiamo,sono ormai personaggi tipici e non credo se la prendano a male per gli scatti....ciao :!:

Carlo  Send PM [Jun 29, 2009 at 02:33 AM]

A me non piace criticare gli atteggiamenti,piace pero' dare un'impressione sulle immagini che vedo.
La penso come saviozzi,paro paro.
Non dimentichiamoci di loro,ok!
Nel senso,sono soggetti fotografici come tutti gli altri e quindi non e' giusto emarginarli,scattiamo e chi se ne frega di tutto il resto,oppure non dimentichiamoci di loro e facciamo un qualcosa di concreto per loro?
Lo scatto in se e' qualcosa di concreto,e mi sta bene anche questo,e' il per loro che mi sfugge...
O non dimentichiamoci di loro e' da intendersi come promemoria per noi stessi?
Nel senso che per ricordarci che esistono anche loro andiamo a vedere gli scatti sul web e allora possiamo andare a letto tranquilli avendo la conferma che esistono ancora e non sono stati ancora bruciati tutti?
Poi,per carita',ci sono utenti che mitizzano certe sconcerie solo perche' appartengono a un autore piuttosto che a un altro,ma questo accade con qualunque tipo di scatto,mi sembra quasi che con questo fatto ci si voglia giustificare.
E' cosi' che questo scatto diventa una foto a un personaggio tipico,il famoso mendicante 5jpg !!!
Attrazione per i turisti e oro colato per i fotografi che vogliono denunciare al mondo intero una situazione particolare.
Scusami,ma qui non vedo alcun personaggio e niente di tipico.
Malafede,buonafede?
Ma cosa c'entra scusate?
Se lo scatto fosse partito accidentalmente l'autore non se ne fosse accorto e fosse stato pubblicato da un terzo,per sbaglio,allora potrei parlare di buonafede.
Per il mio modo di vedere la situazione,lo scatto potrebbe essere inserito nella categoria della caccia fotografica,l'attrezzatura spesso e' simile (piu' potente e' lo zoom minori sono i rischi che ci vedano),con la facilitazione che anche se ci vedono,mica scappano,magari si incavolano,ma tanto siamo lontani che ce ne frega?
Non critico gli atteggiamenti,per carita',ma vorrei essere libero di pensare e di scrivere che chi fa questi scatti li fa esclusivamente perche' non ha un briciolo di idea ne' di possibilita' di attirare l'attenzione altrui in altri modi,se non con questi mezzucci.
Grazie in anticipo per darmi la possibilita' di esprimere un'idea.
P.S. :procurate una modella al saviozzi,la location ce l'ho io...

Stefano Polenta  Send PM [Jun 29, 2009 at 07:09 AM]

a mio parere,come gia' detto,ognuno e' libero di esprimere la propria idea......ma rispettando reciprocamente limiti di doverose tolleranza ed educazione.Mi sta bene il commento di marco Furio(un signore),un po' meno quelli di saviozzi e di Carlo con quegli accenni a mezzucci,assenza di idee e inviti a mettersi nei panni altrui (un dagli all'untore fuori luogo).
Cmq ragazzi,direi che la cosa possa finire qui con buona pace di tutti....di nuovo ciao!!!




 

   
© 2006-2018 MICROMOSSO.COM
Tutte le immagini e i testi pubblicati su questo sito appartengono ai rispettivi autori, che si assumono la responsabilità dei contenuti.
E' vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti di questo spazio, senza autorizzazione diretta degli autori.