Home > Bambini
Click to view full size image
Ho la Playstation Guasta
.

Supposto che non faccia parte delle oltre trentamila vittime della guerra civile,
il piccolo Nidal sarà ormai grande e come per altre persone conosciute in Siria,
l'ho pensato spesso nel corso di questi ultimi mesi.

Ho fotografato Nidal diversi anni fa in un villaggio nei pressi di Aleppo, di cui non ricordo il nome.
Ciò di cui invece mi ricordo è il suo sguardo serio, da adulto, mentre giocava con un pezzetto di legno con due ruotine,
il suo ultimo "giocattolo", distante mille anni luce dalle Playstation dei nostri figli.

- . -

Da oltre un anno (febbraio 2011) è in atto in Siria un moto di contestazione,
simile a quello in altri paesi del mondo arabo: la primavera araba.

Le proteste però sono state soffocate nel sangue da parte delle forze militari leali al feroce regime dittatoriale di Bashar al-Assad.

Nel paese regna una guerra civile tra questi soldati da una parte e dall'altra i ribelli,
affiancati dai reparti militari che si sono rifiutati di sparare sui civili inermi,
il cui intento è di attuare le riforme necessarie a dare un'impronta democratica allo stato,

Proprio oggi, in base ad un accordo raggiunto grazie all'intervento delle Nazioni Unite,
doveva scattare il cessate il fuoco,
ma l'artiglieria di al-Assad ha ripreso ad uccidere,
sparando perfino sui siriani rifugiati nei campi profughi oltre confine, situati in Turchia.







S U G G E R I S C O

CALDAMENTE

LA VISIONE A

S C H E R M O

P I E N O








20080604-DSC03120-.jpg IMG_4920_B_W_r.jpg ©_Saro_Di_Bartolo_lone-81a2pa-925mm.jpg mani-libere.jpg IMG_3589.jpg
File information
Filename:©_Saro_Di_Bartolo_lone-81a2pa-925mm.jpg
Album name:Saro Di Bartolo / Bambini
Keywords:bambino siria giocattolo guerra
AUTORIZZI EVENTUALE RECENSIONE (SI/NO):si
Luogo dello scatto::Siria
File Size:557 KB
Date added:Apr 10, 2012
Dimensions:684 x 925 pixels
Displayed:136 times
Model:LS-40
URL:http://www.micromosso.com/galleria/displayimage.php?pos=-95606
Favorites:Add to Favorites
angelo trapani  Send PM [Apr 10, 2012 at 04:46 PM]

La tua immagine è in qualche modo l'effige della follia che regna in quella parte del mondo.. ma non solo in quella. Sono loro le vere vittime di questi pazzi... i bambini. Privati delle loro infanzia e, spesso anche della vita. Non mi fa specie che il dittatore spari sul suo popolo per tenere ben saldo il potere nelle sue mani... purtroppo abbiamo già visto scene molto simili. Mi chiedo dove stiano i cosiddetti "poliziotti del mondo e della democrazia" quando non ci sono gli interessi economici a governare le cosiddette "missioni di pace"
Un forte abbraccio e grazie per le tue foto, specchio della tua sensibilità
Angelo

Saro Di Bartolo  Send PM [Apr 10, 2012 at 04:58 PM]

Non posso che risponderti subito caro Angelo
e lo faccio con grande paicere.

Conoscendo ormai molto bene la tua "presenza" intorno a certi temi
e la tua sensibilità,
è il tipo di considerazioni che avrei attribuito a te prima ancora di leggerti.

Sottoscrivo tutto ciò che tu hai scritto.
Sono loro le vtttime.

Premesso che è una situazione molto complessa,
dove Cina e Russia hanno ruoli determinanti,
tanto più sono vittime in una landa verso cui,
in assenza di un sottosuolo da cui fuoriesce petrolio,
la polizia mondiale non si muove.

Si può solo sperare che la luce riesca a vincere sulle tenebre prima che sia troppo tardi.

Grazie ed un caro saluto.
saro

Matteo Turina  Send PM [Apr 10, 2012 at 05:38 PM]

la tua FOTO Fà RIFLETTERE caro Saro
penso al coraggio dei siriani ribelli
spero che la pace possa trovare sede in questa parte del mondo già abbastanza tribolata di suo ...
spero che Nidal lotti per la democrazia
penso come angelo che le vittime siano sempre le stesse i più deboli ,come le donne ed i bambini
Seguo sempre le notizie che arrivano dalla siria nella speranza che la situazione si sblocchi , ma purtroppo ,secondo me ,c'è comunque l'interesse di qualcuno (vendita di armi?) che non vuole che si sblocchi ....

poetica e riflessiva la tua foto Saro

Christian Gatti  Send PM [Apr 10, 2012 at 05:39 PM]

e da tempo che seguo la situazione in siria e vedendo quello che e succeso sul confine turco ...non so se le cose avrano una fine in tempi brevi.l'americani che vendono armi alla turchia e la russia alla siria iran ect ecct . ed ecco fatto la frittata . detto cio .la foto molto interesante il colore parziale , che rende proprio l'idea del giocatolo di una volta . ma vedo che ci si puo giocare ancora un pocchino.tops . un pezzo di storia .
ciao christian

Danilo Mililli  Send PM [Apr 10, 2012 at 06:00 PM]

Dovresti andarlo a ritrovare come fece Steve McCurry !!!
Io parlando di fotografia non avrei mischiato colore con bianco e nero avrei preferito solo colore. Forse in questo caso il bianco e nero intristisce ancor di più insieme allo sguardo del bambino.

Paolo Corradini  Send PM [Apr 10, 2012 at 06:26 PM]

sicuramente un'immagine che racconta molto, insieme alla tua ironia ed al tuo occhio da maestro complimenti

Francesco Nucifora  Send PM [Apr 10, 2012 at 06:36 PM]

Foto di grande impatto morale sociale, complimenti carissimo Saro,
le tue foto raccontano tutto sensa neppure parlare, che dire mi piace molto.

Un caro saluto, Francesco.

Saro Di Bartolo  Send PM [Apr 10, 2012 at 06:38 PM]

Constato che, nonostante i telegiornali se ne occupino poco
ed inoltre nemmeno tutti lo fanno
se non in questi ultimi tempi,
il tema Siria è di attualità pure per voi e che seguite queste vicende.
Mi fa piacere e la cosa vi fa onore.

Forse pure per via del fatto che vi sono stato e
vi ho trovato grande ospitalità e calore umano,
io ci rifletto sopra parecchio.

Ho pure pensato di tornarci e come giustamente tu suggerisci Danilo,
di andare alla ricerca, foto alla mano, di Nidal.
Impresa che, difficile o facile che sia, ho infatti desiderio tentare.

Riguardo la scelta del "giocattolo" colorato,
comprendo possa esservi qualche perplessità.

Come già detto a suo tempo per la mia foto "Il Cappottino Nuovo",
pur non essendo un fanatico della desaturazione parziale,
avendo visto prima la foto a colore,
dopo averla convertita in B&N,
ho sentito tale scelta quale funzionale al messaggio dell'immagine.

Un grazie di cuore ed un saluto ragazzi!
saro

Alessio Bongiorni  Send PM [Apr 10, 2012 at 06:49 PM]

Solitamente non amo le desaturazioni, ma in questo caso la trovo valida per il messaggio che hai voluto darci. La mente mi è andata alla scena di Schindler's list dove il regista ha dedicato l'unico frame a colori di tutta la pellicola ( credo il più famoso color pass della storia cinematografica ). L'about poi è da brividi: grazie, grazie, grazie. Un abbraccio Alessio.

Luigi Bianconi  Send PM [Apr 10, 2012 at 06:54 PM]

Ti passa cosi in fretta e ti sfiora il tempo del gioco quando la guerra incombe e la lotta insopprimibile per la libertà prende i contorni della rivolta armata o disarmata che sia.
La luce del tuo sguardo fermata con sapienza dall'animo sensibile di un cittadino del mondo spero ti sia foriera di speranza e di vittoria per ogni bimbo che voglia e possa ritrovare la gioia del gioco libero e felice.

gigi

Saro Di Bartolo  Send PM [Apr 10, 2012 at 07:04 PM]

Mi vengono i brividi nel leggere il tuo commento Alessio.
Quello che tu hai appena scritto
equivale a quanto avevo appena cancellato dalla mia ultima risposta,
per timore di rischiare di passare per presuntuoso.

Senza mai paragonarmi alla grandezza della metafora
o osare accostarmi al grandissimo Spielberg,
appena vista la foto a colore,
il mio pensiero è andato immediatamente alla bambina di "Schindler's List"
ed ecco che decido di passare al B&N e desaturare il "giocattolo".


Le tue parole Gigi sono degne delle tue parole.

Concedimi il gioco di parole, ma quanto tu scrivi è,
come tipico del tuo essere bella e sensibile persona,
molto profondo.

Grazie a voi due di esservi soffermati su Nidal
ed un caro saluto.
saro

Valeria Tomaselli  Send PM [Apr 10, 2012 at 07:13 PM]

Una foto che fa riflettere sull'atrocità della guerra, sull'ingiustizia della dittatura e sull'infanzia rubata di questi bambini. Molto profonda. Grazie per averla condivisa con noi. Ciao, Valeria.

gianluca trozzi  Send PM [Apr 10, 2012 at 07:34 PM]

Non ho letto il tuo about per non farmi condizionare !
Restando neutro posso dirti che prima ho commentato Angelo Trapani e come a lui dico che la bravura che hai di ritrarre (quando ti diletti con le persone) in modo spontaneo e significativo è davvero molto grande!!!
Riesci poi ad isolare e portare il fulcro della storia che vuoi narrare alla vista anche dei più ciechi , come mè , associandolo in modo sublime al titolo!!!
salutoni e complimenti sinceri
g t

ps ora leggo l'about
I miei complimenti !

Saro Di Bartolo  Send PM [Apr 10, 2012 at 09:39 PM]

Colndividerla con voi è stato un piacere e scoprire quanto l'abbiate appprezzata ha reso il piacere ancora più grande.

Grazie Valeria e Gianluca delle vostre generose e sensibili parole.
un sallutissimo da saro

Reno Alfonsi  Send PM [Apr 11, 2012 at 09:42 AM]

arrivo un po' in ritardo ad ammirare questa.... emozione
sono molte quelle che mi suscita e che si aggiungono a quella che provo nel temere per la sorte di questo bimbo e del tuo desiderio di volerlo ritrovare.
Un bimbo cresciuto in fretta che tradisce il suo bisogno di rivendicarsi bambino inventandosi un gioco fatto di fantasia e di sogni... i sogni di un bimbo, unico colore tra il grigio di una vita imposta dai grandi.
Grazie Saro...

Reno.

Saro Di Bartolo  Send PM [Apr 11, 2012 at 01:06 PM]

Hai scritto delle cose stupende,
molto profonde e che si percepisce sono davvero sentite.

Con
"i sogni di un bimbo, unico colore tra il grigio di una vita imposta dai grandi"
interpreti ciò che io sento e non ero riuscito a trasformare in parole.
Grazie caro Remo,
saro

Mimmo Greco  Send PM [Apr 12, 2012 at 06:55 AM]

Sono quelle foto a ci ci si lega in modo particolare , perche evocano momenti e storie , soprattutto se si tratta di bambini inseriti in contesti particoloari di miseria .
La guerra civile che oggi sta attravesando la Siria , ti ha fatto tornare alla mente quel bambino di tanti anni fa , che chissa se vive ancora o se come dicevi tu non faccia parte delle migliaia di vittime del regime.
Colpisce molto il giocattolo autocostruito e credo ricordi un po anche l'infanzia di chi di noi ha molti lustri sulle spalle , dove la fantasia e i sogni riescono sempre a inventarsi un gioco che porti lontano la mente dalle tristezze quotidiane.

Una foto ... una storia.

Grazie per averla condivisa.

Mimmo

Saro Di Bartolo  Send PM [Apr 12, 2012 at 12:52 PM]

E' vero, diventano parte del proprio percorso,
umano prima ancora che fotografico,
e ci si lega proprio.

I quesiti che tu hai posto, sono i quesiti miei.
Le considerazioni tue sono le mie caro Mimmo.

Un intervento "pesante" il tuo e graditissimo.
Grazie ed un affettuoso saluto.
saro




 

   
© 2006-2018 MICROMOSSO.COM
Tutte le immagini e i testi pubblicati su questo sito appartengono ai rispettivi autori, che si assumono la responsabilità dei contenuti.
E' vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti di questo spazio, senza autorizzazione diretta degli autori.