Indice del forum Micromosso.com
Libera Community di Fotografia Amatoriale e non
 
 Galleria  • FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Composizione Naturalistica

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Analisi di una foto
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Fabio Landi



Registrato: 28/11/11 10:11
Messaggi: 36

MessaggioInviato: Dom Feb 16, 2014 11:50 am    Oggetto: Composizione Naturalistica Rispondi citando

Salve a tutti

Direte "ancora questo che vuole ora?!?"
Spero che ormai sopportiate le mie domande e curiosità e che abbiate voglia di far un passaggio di qui. Magari le risposte saranno utile anche ad altri.

Veniamo al punto ieri ho postato questa foto ritagliata dopo mille prove e ora potete vedere l'originale. Il mio problema è che mi piaceva prenderla intera con entrambe le garzette ma i due soggetti non rientravano bene nella regola dei terzi e non trovavo un taglio che mi convincesse.
Risultato ho preso solo la prima delle due garzette e o postato la foto ma come ha fatto notare Nicola ho dovuto usare un taglio quadrato che non è dei migliori.

1)Può andare una composizione semplicemente raddrizzata e pulita anche se la regola dei terzi non prende quasi niente?
2)Voi cosa avreste fatto? (apparte buttare la foto XD)




Ringrazio anticipatamente chiunque passi di qui anche solo a leggere
Un saluto Fabio
_________________
E' bello ciò che è bello, o è bello ciò che piace?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Eloj Lugnani



Registrato: 30/11/10 06:33
Messaggi: 79

MessaggioInviato: Dom Feb 16, 2014 12:57 pm    Oggetto: Rispondi citando

Più che entrare nel merito dell'immagine preferisco fare due considerazione appena a monte, considerazioni del tutto personali.

La "regola dei terzi" sta alla composizione e all'arte in generale come quella di fare i gambetti alle a e alle o sta all'ortografia.
Cioè è un qualcosa di basico di cui non bisogna divenire schiavi e che, raggiunta una certa "autonomia di pensiero" è necessario abbandonare in favore di un'infinità di sfumature e aggiustamenti capaci di rendere un'immagine nuova, originale, interessante e non Standard.
Non sto dicendo che in alcuni casi, la posizione dei soggetti non dia ottimi risultati quando si utilizzi tale regola, sto affermando che ciò deve essere una conseguenza e non una premessa, vale a dire, la tua sensibilità ti porterà a strutturare un'immagine in un certo modo e talvolta ti accorgerai di aver posizionato un soggetto su un "benedetto punto forte" ma altre volte lo avrai posizionato attaccato ad un bordo o al centro oppure relegato in un angolo perchè avrai voluto attribuire dei significati a quelle scelte.
Poi diciamo la verità, quando le immagini diventano un minimo complesse, i vari elementi iniziano a dialogare tra loro creando dei raggruppamenti sia visivi che concettuali e tali raggruppamenti avranno un baricentro e allora cosa si dovrà mettere nei punti forti: un soggetto o quel baricentro?
Dammi retta, buttala a mare quella filastrocca o se proprio vuoi seguire delle regole allora prenditi un libro serio e ne troverai a centinaia ma molto più complesse (non sto dicendo che io le conosca!!!), ad esempio Arte e Percezione visiva di Arnheim o qualche libro di Kanisza sulla percezione visiva e le conseguenti "illusioni ottiche".

Stamattina hai replicato ad un mio commento a metà tra il serio e il faceto mettendo in campo la fatidica parola "clonazione". Non è che con quello strumento si debba stravolgere completamente un'immagine: può darsi che quell'immagine sia semplicemente venuta male in fase di scatto, non sarà la prima volta....non ci si deve aggrappare in tutti i modi ad una foto quando questa presenti delle problematiche, è forse meglio considerarla una foto sbagliata e andare avanti.
Per me la clonazione puù servire per aggiustamenti minimi che possono trasformare una bell'immagine in un capolavoro, magari togliendo quel piede che sbuca da un bordo o un filo che non giova all'economia dell'immagine. Perchè il problema è che se si fa troppo affidamento su quello strumento si finisce per disinteressarsi della questione compositiva in fase di scatto: non basta catturare il soggetto, è necessario muoversi più volte con l'occhio su tutta l'immagine per vedere se tutto è a posto, aggiustando la posizione, la focale (se si ha uno zoom) e l'alzo fino ad ottenere il risultato voluto e questo in frazioni di secondo se il soggetto è VIVO.

Forse volevo dira un'altra cosa ma l'ho dimenticata; al suo posto cito una replica ad una citazione di Bresson:
Lui affermava che le prime 10000 fotografie sono le peggiori, molti adesso replicano che con il digitale le prime 100000 sono le peggiori....io dico che continuano a rimanere 10000 se l'approccio allo scatto rimane quello di un tempo, perchè del progresso bisogna saper prendere i soli vantaggi e non tutto il pacchetto.

(Ovviamente so che le necessità della fotografia naturalistica sono differenti da quelle di altri generi fotografici e che talvolta la raffica è doverosa....allora in quel caso bisogna alzare la soglia al primo 1.000.000)

ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail Yahoo
Fabio Landi



Registrato: 28/11/11 10:11
Messaggi: 36

MessaggioInviato: Dom Feb 16, 2014 2:02 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Eloj grazie della pazienza e del tuo lungo messaggio.
Ci sono tanti concetti ottimi in quello che hai scritto, alcuni li conoscevo già altri me li hanno detti tempo fa propio su questo forum e altro ancora me lo hai insegnato tu con sfumature tue personali e con gentilezza. E qui mi viene il dubbio perché forse hai usato anche troppa gentilezza. In pratica non capisco a prescindere di tutto se pensi che questa foto non vada e sia da scartare e basta senza ragionarci sopra?
_________________
E' bello ciò che è bello, o è bello ciò che piace?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Eloj Lugnani



Registrato: 30/11/10 06:33
Messaggi: 79

MessaggioInviato: Dom Feb 16, 2014 2:39 pm    Oggetto: Rispondi citando

A dire il vero, come avevo premesso all'inizio del messaggio, volevo riferirmi più al testo che all'immagine; per quella sono più interessato ai commenti che seguiranno.

Comunque, sviluppando il commento che avevo fatto alla tua immagine stamattina, mi sento di dire che in questo contesto più ampio, che mostra due esemplari, quella matassa vegetale con riflesso annesso diviene meno evidente e quindi propendo per mostrare una porzione di scena maggiore rispetto a quella che tu hai proposta stamattina.
Se devo poi considerare l'immagine da un punto di vista naturalistico (sempre personalmente) dico che è debole perchè è pur vero che mostra i volatili nel loro ambiente ma quest'ambiente non è armonico, soprattutto per come i vari elementi sono disposti.
Ma questa fotografia può esser "letta" anche non prettamente come foto naturalisitica per la presenza dei riflessi che introducono elementi formali e compositivi; cambiando contesto allora quelle presenze scure rappresentate dalla vegetazione, con le loro forme possono diventare elementi cardine dell'immagine ma è necessario fare una scelta di campo perchè in questo secondo contesto bisogna spingere sui contrasti e sui chiaroscuri allontanandosi di molto dalla resa naturalistica; ad esempio invertendo l'immagine, la matassa andrebbe a disturbare il "neoeletto riflesso" e non il soggetto che però in quel caso necessiterebbe di un aiutino post-produttivo per venir fuori.

ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail Yahoo
Fabio Landi



Registrato: 28/11/11 10:11
Messaggi: 36

MessaggioInviato: Dom Feb 16, 2014 4:55 pm    Oggetto: Rispondi citando

Un mio pensiero
La foto per quante ne so penso sia debole per l'altezza dell'inquadratura che toglie gran parte della vegetazione, dell'ambientazione e automaticamente toglie anche lo sfocato. E' una delle 1'000'000 peggiori ma come hai fatto esempio te Eloj non è da buttare con la moderna tecnologi a ma soprattutto con le idee dei fotografi come te una foto mediocre può diventare una buona foto.
Certo con questo non voglio dire che se ne può fare un capolavoro non lo è ma come hai detto bisogna prendere le cose migliori non tutto il pacchetto.
Grazie Eloj
Un saluto Fabio
_________________
E' bello ciò che è bello, o è bello ciò che piace?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Fabio Landi



Registrato: 28/11/11 10:11
Messaggi: 36

MessaggioInviato: Dom Feb 16, 2014 7:46 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ho provato una versione veloce con contrasto bianchi e altri fattori che ne ha fatto una versione poco naturale ma con riflessi molto marcati e i cespugli danno contrasto e forse non più cosi noia.
Non penso fosse quello che intendeva Eloj ma magari è una cosa simile


_________________
E' bello ciò che è bello, o è bello ciò che piace?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Nicola Lodigiani
SOCIO SOSTENITORE


Registrato: 01/02/10 08:35
Messaggi: 896
Residenza: Piacenza

MessaggioInviato: Dom Feb 16, 2014 7:56 pm    Oggetto: Rispondi citando

per prima cosa, il taglio della foto..... non hai pensato che poteva andare bene direttamente così? Io se avessi scattato quella foto la lascerei così, anzi io tutte le mie foto le lascio così, nel senso che tutte le mie foto sono full frame, molto difficilmente sono crop e la i pochi crop che faccio sono semplici aggiustatine alla compo, magari dovute ad un raddrizzamento. A me detto molto sinceramente piace molto più così che croppata quadrata, se non fosse perchè così comprendi entrambe le garzette. Non posso che essere d'accordo quasi in toto con Eloj, non sono d'accordo che l'uso della raffica debba aumentare il numero di foto brutte, per me una raffica conta comunque una foto. Riguardo all'uso del timbro clone... il digiatale mi ha portato inizialmente ad un pressapochismo in fase di scatto, tanto c'è photoshop, il timbro clone, il cerotto ecc. ecc. da qualche anno a questa parte sono tornato a guardare molto di più nel mirino in fase di scatto, per evitare di passare la vita al pc per sistemare poi le foto. Una cosa sola ho mantenuto della politica del digitale: quello di scattare molto molto più di prima, un matrimonio lo facevo con 7-8 rullini da 36 in analogico (meno di 300 scatti) ora lo faccio con 1000-1200 foto. Nella fotografia naturalistica la mortalità degli scatti è molto alta, poter scattare tanto è un grosso vantaggio.

Nicola
_________________
Nicola

Dopo tutto oggi è il domani che ci preoccupava ieri.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Analisi di una foto Tutti i fusi orari sono GMT - 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it