Indice del forum Micromosso.com
Libera Community di Fotografia Amatoriale e non
 
 Galleria  • FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Vorrei dire una cosa riguardo i commenti
Vai a 1, 2  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Riflessioni a 360 gradi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Paola Lirusso



Registrato: 18/08/09 12:30
Messaggi: 272

MessaggioInviato: Mar Mar 01, 2011 3:08 pm    Oggetto: Vorrei dire una cosa riguardo i commenti Rispondi citando

Ormai sono alcuni mesi che frequento questo bellissimo sito con interventi eslusivamente rivolti alla "visione" delle foto. Concordo con quanti dicono della creatività :..."capacità di produrre cose nuove a partire da dati noti, attraverso un movimento di ricombinazione che rimescola gli schemi mentali" questo vale anche per la visione...si può produrre un'opera e vederla come vuole l'artista ma anche con l'occhio di chi guarda offrendo un altro punto di vista...ecco la mia presenza qui è stata così concepita: offrire un punto di vista diverso. Da moltissimi anni opero nella produzione delle immagini e strada facendo ho scoperto come siamo ingabbiati in schemi mentali stabiliti ,a volte necessari per es: se sto imparando a fare foto devo seguire uno schema prestabilito che è quello della tecnica...(devo imparare a fare foto)...quando avrò imparato potrò osservare e catturare immagini magari condizionata dalla tecnica...in seguito potrò lasciare libertà all'idea etc etc, ma alla fine devo arrivare ad esaminare l'immagine con sguardo libero da condizionamenti, salvo la luce. Il commento a questo punto non può essere solo sulla tecnica usata, ma sarà libero di spaziare di toccare tasti che offrano altre prospettive.
Pavel Florenskij dice:«l’autentico artista non vuole la cosa sua ad ogni costo, ma vuole il bello, l’oggettivamente bello, cioè l’artistica configurazione della verità delle cose e in genere non si cura della questione meschina e vanitosa, se è il primo o il centesimo a parlare della verità. Basta che essa sia la verità, e il valore dell’opera è garantito"
A partire da questo anche il commento deve cogliere la verità e per verità non s'intende solo ciò che si vede ma " quell’eterna e insaziabile nostalgia della spiritualità, dell’ideale che raccoglie gli uomini»". ( Andrej Tarkovskij)
Top
Profilo Invia messaggio privato
nino lo pinto



Registrato: 26/02/08 19:48
Messaggi: 326

MessaggioInviato: Mar Mar 01, 2011 3:48 pm    Oggetto: Rispondi citando

...da qui a dire che una foto scattata senza criterio pasata in bn (perchè a colori non si può guardare) col contrasto a manetta e con l'ormai immancabile bagliore diffuso sia un opera d'arte ce ne passa!
_________________
http://www.flickr.com/photos/ninolo/
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Antonio Perrone Torkio
STAFF


Registrato: 15/11/06 12:34
Messaggi: 7724
Residenza: Guidonia (RM) - Torchiarolo (BR)

MessaggioInviato: Mar Mar 01, 2011 3:54 pm    Oggetto: Rispondi citando

io credo che la tecnica sia necessaria per poter effettuare uno scatto come serve la grammatica per poter scrivere un libro o anche semplicemente una lettera...

se faccio una foto dove vorrei che il soggetto in movimento esca con un leggero mosso devo sapere che agendo sulla chiusura del diaframma questo mi darà un tempo di posa abbastanza lungo per restituirmi un mosso...

o viceversa se faccio foto sportive devo sapere che per ottenere un perfetto congelamento dell'immagine devo avere dei tempi di posa di sicurezza a secondo della focale che uso...

questa è grammatica fotografica... senza di questa ci possiamo solo affidare alla sorte, o meglio al giapponesino incorporato nelle fotocamente, l'automatico, che scatta ... se poi esce ok altrimenti si butta il file Smile
_________________
Abbiate pazienza, sto cercando di imparare a mettere a fuoco...
il mio nuovo sito: www.antonioperrone.com
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Paola Lirusso



Registrato: 18/08/09 12:30
Messaggi: 272

MessaggioInviato: Mer Mar 02, 2011 6:42 am    Oggetto: Rispondi citando

La grammatica è fondamentale e credo di riconoscere subito una foto fatta con criterio e una fatta con l'autoscatto così come viene...ci mancherebbe. Poi qui in MM c'è talmente tanta gente che lo sa fare che non mi sono nemmeno un attimo misurata su questo piano...sono altri piani di lettura che a mio avviso non vengono molto considerati ....è a partire dal piano "creativo" che si scopre l'idea profonda da cui nasce la fotografia. Comunque non insisto oltre e mi scuso per aver intrapreso questa strada anche se vi avevo avvertito che ero "anomala". Smile)
Top
Profilo Invia messaggio privato
aldo feroce



Registrato: 20/12/07 07:30
Messaggi: 792
Residenza: ROMA

MessaggioInviato: Mer Mar 02, 2011 6:47 am    Oggetto: Rispondi citando

condivido in pieno il tuo commento Paola
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Antonio Perrone Torkio
STAFF


Registrato: 15/11/06 12:34
Messaggi: 7724
Residenza: Guidonia (RM) - Torchiarolo (BR)

MessaggioInviato: Mer Mar 02, 2011 7:00 am    Oggetto: Rispondi citando

Paola Lirusso ha scritto:
La grammatica è fondamentale e credo di riconoscere subito una foto fatta con criterio e una fatta con l'autoscatto così come viene...ci mancherebbe. Poi qui in MM c'è talmente tanta gente che lo sa fare che non mi sono nemmeno un attimo misurata su questo piano...sono altri piani di lettura che a mio avviso non vengono molto considerati ....è a partire dal piano "creativo" che si scopre l'idea profonda da cui nasce la fotografia. Comunque non insisto oltre e mi scuso per aver intrapreso questa strada anche se vi avevo avvertito che ero "anomala". Smile)



non c'è nulla di cui scusarsi Paola ed è giusto che tu possa esprimere il tuo pensiero... ho solo fatto una precisazione Smile
_________________
Abbiate pazienza, sto cercando di imparare a mettere a fuoco...
il mio nuovo sito: www.antonioperrone.com
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Nicola Lodigiani
SOCIO SOSTENITORE


Registrato: 01/02/10 08:35
Messaggi: 896
Residenza: Piacenza

MessaggioInviato: Mer Mar 02, 2011 7:59 am    Oggetto: Rispondi citando

non credo che si possa valutare una foto correttamente basandosi esclusivamente su un criterio di bellezza, essendo l'unità di misura utilizzata non assoluta, ma relativa. Non ci si può fossilizzare però neanche solo su un commento tecnico, anche se dalla tecnica sono convinto non si possa prescindere. Purtroppo in un forum, abbiamo l'handicap, molte volte, di non conoscere la persona che presenta la foto, di conseguenza non si ha mai una visione perfetta di quello che un'immagine voglia esattamente dire. Piccolo esempio per spiegare meglio la mia teoria: mettiamo che in questo forum postino un'immagine molto simile due utenti che in questo momento chiamiamo A e B, un'immagine per dirlo alla Nino Lo Pinto "passata in bn (perchè a colori non si può guardare) col contrasto a manetta e con l'ormai immancabile bagliore diffuso", se dovessi commentarle io il commento sarebbe pressochè uguale, positivo, negativo non lo sapremo mai, entra in gioco la famosa componente bellezza che come noi sappiamo non è valutata proprio allo stesso modo da tutti.
Pensiamo alla stessa situazione e però vi fornisco un'informazione in più: i due utenti non sono più A e B, ma un Adobe Guru e un ragazzino di 12 anni che ha fatto la foto con il telefonino con fotocamera da 1,2 mpx: siete convinti che i due commenti possano e debbano essere ancora uguali?

Nicola
_________________
Nicola

Dopo tutto oggi è il domani che ci preoccupava ieri.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Silvio Renesto



Registrato: 24/05/08 17:55
Messaggi: 235
Residenza: Pianeta Terra

MessaggioInviato: Mer Mar 02, 2011 8:14 am    Oggetto: Rispondi citando

Aggiungo un altro spunto di riflessione. Più strettamente legato alla foto di natura.
A mio parere tra le foto di un animale in condizioni controllate e quelle in libertà c'è un'enorme differenza. le difficoltà realizzative sono molto diverse. Per questo io non mi sento di commentare solo in base all'estetica una foto di animali, ma anche in base al contesto. Per me una foto di animale fatta in un oasi con l'uccello in voliera, per quanto bella e tecnicamente perfetta possa sembrare per me è sempre più facile e (molto) meno significativa, a meno che non mostri la sofferenza dell'animale in voliera, o la condizone di cattività non sia espressa e funzionale in qualche modo all'immagine. Una foto scattata in condizioni naturali mi potrà piacere o no ne valuterò la tecnica la difficoltà di riprendere il soggetto ma senz'altro avrà un qualche significato ( a meno che non sia proprio uno scatto casuale/tecnicamente indecente).
Qualcun altro ci ha pensato?
_________________
Wendigo
Naturalista, fotografo dilettante.
qualche mia foto qua: http:\\wendigo.vecchiaforesta.it
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Nicola Lodigiani
SOCIO SOSTENITORE


Registrato: 01/02/10 08:35
Messaggi: 896
Residenza: Piacenza

MessaggioInviato: Mer Mar 02, 2011 8:41 am    Oggetto: Rispondi citando

non posso che essere d'accordo con te Smile

Nicola
_________________
Nicola

Dopo tutto oggi è il domani che ci preoccupava ieri.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Gianfranco Dinardo



Registrato: 29/01/10 20:55
Messaggi: 83
Residenza: Torino

MessaggioInviato: Mer Mar 02, 2011 9:01 am    Oggetto: Rispondi citando

La fotografia è un linguaggio e in quanto tale per "parlarlo" bisogna conoscerne la grammatica, la sintassi, la pronuncia, la fonetica, ecc.
Usare un diaframma aperto piuttosto che uno chiuso o variare il punto di messa a fuoco, può cambiare il "significato" del risultato finale esattamente come cambia il significato di una parola a seconda di dove pongo l'accento (ad es. pero e però). In questo senso è giusto che la lettura di una fotografia includa anche la tecnica usata.
Attenzione però a non confondere la tecnica usata con il mezzo tecnico utilizzato e qui mi aggancio al discorso di Nicola: secondo me non ha importanza sapere che l'immagine A è stata scattata da un guru Adobe con attrezzatura da 5000€ e l'immagine B è stata scattata dal ragazzino con il telefonino da 1,2Mpx se queste sono equivalenti e suscitano la stessa emozione in chi le guarda.
Walker Evans, ad un suo allievo che chiese con quale attrezatura fosse stata scattata una fotografia, rispose che chiedere ad un fotografo quale apparecchiatura ha utilizzato per una sua foto è una domanda tanto insulsa quanto chiedere ad uno scrittore quale macchina da scrivere usa.
Gianfranco.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Nicola Lodigiani
SOCIO SOSTENITORE


Registrato: 01/02/10 08:35
Messaggi: 896
Residenza: Piacenza

MessaggioInviato: Mer Mar 02, 2011 9:20 am    Oggetto: Rispondi citando

Gianfranco Dinardo ha scritto:
..........Attenzione però a non confondere la tecnica usata con il mezzo tecnico utilizzato e qui mi aggancio al discorso di Nicola: secondo me non ha importanza sapere che l'immagine A è stata scattata da un guru Adobe con attrezzatura da 5000€ e l'immagine B è stata scattata dal ragazzino con il telefonino da 1,2Mpx se queste sono equivalenti e suscitano la stessa emozione in chi le guarda.
Walker Evans, ad un suo allievo che chiese con quale attrezatura fosse stata scattata una fotografia, rispose che chiedere ad un fotografo quale apparecchiatura ha utilizzato per una sua foto è una domanda tanto insulsa quanto chiedere ad uno scrittore quale macchina da scrivere usa.
Gianfranco.


Mi sono espresso male, il riferimento non era all'attrezzatura, ma al grado di alfabetizzazione fotografica che possano avere i due personaggi. Ho fatto riferimento al telefonino perchè molte volte gli scatti fatti con uno scadentissimo telefonino da poche decine di euro assomigliano tanto a foto fatte con grandi fotocamere da milioni di pixel e migliaia di euro.
In epoca di dgt però chiedere ad un fotografo che attrezzatura ha utilizzato non è più una domanda tanto insulsa: io spesso lo chiedo quando c'è qualcosa che non mi quadra per capire se quello di fronte mi sta raccontando balle o se dice la verità e vi assicuro che diverse volte ha funzionato.

Nicola
_________________
Nicola

Dopo tutto oggi è il domani che ci preoccupava ieri.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
pulvirenti lucia
SOCIO SOSTENITORE


Registrato: 19/03/09 18:29
Messaggi: 537
Residenza: gravina di catania

MessaggioInviato: Mer Mar 02, 2011 10:03 am    Oggetto: Rispondi citando

mi piacciono moltissimo le discussioni in questo periodo su questi argomenti e vi seguo con interesse...
capisco sia il punto di vista di Paola che quello di nicola....
_________________
pulvirenti lucia
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail Yahoo
Gianfranco Dinardo



Registrato: 29/01/10 20:55
Messaggi: 83
Residenza: Torino

MessaggioInviato: Mer Mar 02, 2011 10:57 am    Oggetto: Rispondi citando

Nicola Lodigiani ha scritto:

Mi sono espresso male, il riferimento non era all'attrezzatura, ma al grado di alfabetizzazione fotografica che possano avere i due personaggi. Ho fatto riferimento al telefonino perchè molte volte gli scatti fatti con uno scadentissimo telefonino da poche decine di euro assomigliano tanto a foto fatte con grandi fotocamere da milioni di pixel e migliaia di euro.
Nicola


E su questo sono pienamente d'accordo con te: troppo spesso chi si avvicina alla fotografia è convinto che valga l'equazione "macchina costosa=belle foto", ma non è così.
Non metto in dubbio che l'attrezzatura sia fondamentale, ma deve essere misurata su ciò che si vuole realizzare (chiaro che col telefonino di cui sopra non sarebbe possibile realizzare i tuoi begli scatti naturalistici).
Gianfranco
Top
Profilo Invia messaggio privato
Nicola Lodigiani
SOCIO SOSTENITORE


Registrato: 01/02/10 08:35
Messaggi: 896
Residenza: Piacenza

MessaggioInviato: Mer Mar 02, 2011 12:09 pm    Oggetto: Rispondi citando

Gianfranco Dinardo ha scritto:
Nicola Lodigiani ha scritto:

Mi sono espresso male, il riferimento non era all'attrezzatura, ma al grado di alfabetizzazione fotografica che possano avere i due personaggi. Ho fatto riferimento al telefonino perchè molte volte gli scatti fatti con uno scadentissimo telefonino da poche decine di euro assomigliano tanto a foto fatte con grandi fotocamere da milioni di pixel e migliaia di euro.
Nicola


E su questo sono pienamente d'accordo con te: troppo spesso chi si avvicina alla fotografia è convinto che valga l'equazione "macchina costosa=belle foto", ma non è così.
Non metto in dubbio che l'attrezzatura sia fondamentale, ma deve essere misurata su ciò che si vuole realizzare (chiaro che col telefonino di cui sopra non sarebbe possibile realizzare i tuoi begli scatti naturalistici).
Gianfranco


ci sono tipi di fotografia che non possono essere alla portata di tutti, vuoi per tipo di attrezzatura richiesta, vuoi per competenze tecniche e non tecniche. La fotografia naturalistica è una di queste, così come la fotografia sportiva. Per fare foto naturalistiche bisogna per forza di cose avere attrezzature costose, si può spendere un po' più o un po' meno, ma si spendono sempre tanti soldi e ve lo dico assicurandovi che non è perchè bisogna avere l'ultima fotocamera uscita o l'obiettivo super stabilizzato ecc. io scatto con una fotocamera diciamo normale e con obiettivi di gran qualità, ma vecchiotti, per contenere le cifre. Bisogna conoscere la tecnica, lì, sempre per dirla alla Nino Lo Pinto, una foto scattata senza criterio passata in bn (perchè a colori non si può guardare) col contrasto a manetta e con l'ormai immancabile bagliore diffuso non regge, lì le foto si fanno fatte bene, esposte bene, con poco rumore, con il suo diaframma giusto per la pdc necessaria e lo sfondo sfocato ecc. ecc. e soprattutto ci vogliono anche delle nozioni di ornitologia nel mio caso, per sapere come approcciarsi ad un pennuto in modo che il pennuto arrivi a tollerarti. Senza tutto questo bagaglio si può tranquillamente risparmiare tempo e soldi ed iscriversi alla bocciofila che si avranno sicuramente dei vantaggi maggiori. Ci sono invece generi che invece non necessitano praticamente di niente, per fare qualche scatto di paesaggio o di reportage basta una fotocamera con un'ottica grandangolare o un normale, la D70 e il 28f2,8 Nikon per una spesa di 300-350 euro, ma anche molto meno.

Nicola
_________________
Nicola

Dopo tutto oggi è il domani che ci preoccupava ieri.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
bagdesign



Registrato: 05/12/06 05:26
Messaggi: 1526
Residenza: Lucca

MessaggioInviato: Mer Mar 02, 2011 5:50 pm    Oggetto: Rispondi citando

Vorrei raccontarvi due aneddoti simpatici che vogliono convalidare, con un sorriso, quanto fin qui da voi detto.
Una persona simpaticissima, schietta e sincera, un giorno comprò una macchina fotografica costosissima e conscia delle sue cognizioni e capacità disse: " Con questa non farò certo belle foto, ma sai che invidia!!"
L'altro, me lo ha raccontato un fotografo, un venditore di apparecchi fotografici.
Un giorno venne nel mio negozio un signore che voleva la digitale, sapeva tante cose, evidentemente si era informato bene prima.
Comprò una reflex digitale di costo medio-alto col suo bell'obiettivo zoom, ecc...
Dopo una settimana ritorna e voleva che gli cambiassi la macchina.
"Non funziona, è difettosa!" Insisteva un po' contrariato il signore.
"Ma mi dica perché, cosa succede, che difetto presenta...?"
"Ho fatto cento e più foto, ma vengono tutte scure, o chiare, o mosse!"
"Ma lei la usa in automatico, a priorità di tempo o di diaframma?!"
"Dia... che??"

...

Un caro saluto a tutti voi! Very Happy
_________________
bag - http://www.albertogianfrancobaccelli.it
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Riflessioni a 360 gradi Tutti i fusi orari sono GMT - 2 ore
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it