Libero Api

Abito a Senigallia, ho 43 anni, sono sposato e padre di due splendidi bimbi, gestisco alcuni blogs, frequento social networks e scatto qualche foto a tempo perso.

La fotografia è per me principalmente uno svago e, soprattutto, è un’occasione per partecipare ad eventi ai quali diversamente non avrei modo di poter essere presente; è poi anche un valido strumento per instaurare nuove amicizie, per farsi conoscere e… per vantarsi un po’ con gli amici per una foto in copertina su qualche rivista o per una citazione come fotografo sul sito di un cantante famoso.

Se proprio devo darmi una definizione, direi “fotoamatore autodidatta”; non ho basi né di tecnica né di cultura fotografica in genere, mi considero, però, naturalmente dotato nel “vedere” e nel comporre l’inquadratura.

Ho iniziato a “respirare” il mondo della fotografia non troppi anni fa, grazie alla scoperta di siti e forum di condivisione fotografica che mi hanno aiutato molto sia a conoscere altri fotoamatori davvero bravi che a crescere “stilisticamente” e tecnicamente; ho partecipato anche a meetings e raduni di appassionati fotoamatori che mi hanno dato modo di trasformare amicizie “virtuali” in reali; ho assistito in questi anni alla crescita di appassionati conosciuti in rete, dal loro primo approccio con la fotografia fino al professionismo…

Da circa tre anni mi dedico ad un’altra realtà in espansione che ha catturato da subito il mio interesse: il mondo dei blog.

Il mio “primo” blog vide la luce nel novembre 2006; “Dentro al Replay” nacque come spazio destinato a diario fotografico personale e raccoglitore di notizie legate alla fotografia, ma in seguito si è evoluto anche in altri campi, dai reportages alla blogsfera, dalla musica fino all’altra mia passione, i libri.

Un anno dopo creai un secondo blog, stavolta dedicato alla manifestazione internazionale sulla cultura e musica americana degli anni ’40 e ’50 che si tiene ogni agosto a Senigallia e che mi coinvolge (e travolge) in prima persona: il “Summer Jamboree”, una vera miniera d’oro per gli appassionati di fotografia.

Si è poi aggiunto al piccolo “network” un altro blog, “Fotografi nel Web”: in pratica un raccoglitore delle interviste fotografiche che pubblico periodicamente sul mio blog principale, e da poco ho anche aperto aperto uno spazio dedicato ai libri da titolo  “Replay Books”.

La rubrica “Fotografi nel Web” è nata nel gennaio 2008 un po’ per scherzo; un giorno, anche leggendo qua e là sul web interviste ad alcuni fotografi, decisi di buttare giù alcune domande standard e di inviare il questionario a diversi amici conosciuti negli anni di frequentazione di siti e forum a tema.

In parecchi mi risposero entusiasti dell’iniziativa e da lì, con pubblicazioni più o meno regolari, ho superato le 100 foto-interviste; la centesima è stata dedicata ad un grande della fotografia italiana, il mio (ex) concittadino Mario Giacomelli, grazie alla collaborazione con il figlio Simone.

E’ stata un’iniziativa che mi ha dato molte soddisfazioni, mi ha fatto conoscere nuovi amici ma soprattutto dà a tutti la possibilità di conoscere in maniera più approfondita le persone intervistate, mettendo in luce lati della personalità non visibili “oltre” le immagini da loro prodotte; sul forum di MicroMosso c’è anche una sezione dedicata alla rubrica.

Non credo di avere un genere fotografico “preferito”, questo varia a secondo del periodo che sto vivendo; nel mio portfolio c’è un po’ di tutto, forse perché non ho ancora trovato una mia “direzione” ma continuo a sperimentare e fotografare ciò che in quel determinato periodo mi va maggiormente, senza pormi obiettivi né limiti.

Adoro da sempre fare foto ai concerti, e soprattutto cogliere l’intima intesa che si crea tra musicista e strumento musicale (in particolare trovo fantastico il dualismo uomo/contrabbasso); ma mi piace anche cogliere di sorpresa la gente comune, usando il teleobiettivo “a tradimento” per immortalare le espressioni, i gesti, i sentimenti di chi non sa di essere il mio modello in quel momento.

Credo comunque di essere in fase di evoluzione e dirigermi sempre di più verso una fotografia “reportagistica” (documentazione di manifestazioni e concerti), forse anche per il tempo sempre minore che posso dedicare alla “ricerca” di una foto più intimistica o artistica che dir si voglia.

Come detto precedentemente, seguo da anni il Summer jamboree, grazie al quale le mie foto hanno girato il mondo su riviste specializzate, su periodici di turismo e attualità (anche su Topolino!) e sui siti di gruppi musicali e degli appassionati del genere; la manifestazione senigalliese è tra i primi tre festival dedicati al Rock’n’Roll a livello mondiale, ha un seguito incredibile e chiunque vada alla ricerca di notizie e immagini dedicate passa inevitabilmente sul mio blog.

L’esperienza del Summer Jamboree è assolutamente da provare, davvero ci si immerge in un film ambientato nei favolosi anni ’50!

Penso che una frase di Claudio Gregori, in arte Greg (musicista, ex “iena”, in coppia fissa con Lillo in vari programmi televisivi e radiofonici della Rai) riassuma al meglio lo spirito e il richiamo così forte della “baldoria estiva”: “Sentiamo tutti la nostalgia degli anni ’50 pur non avendoli mai vissuti realmente”.

mo fratello che guardi il mondo

mo fratello che guardi il mondo

Doisneau Style

Doisneau Style

Bettieblack's eye

Bettieblack's eye

al circo

al circo

music!

music!

Eve La Plume & Red Cadillac 2

Eve La Plume & Red Cadillac 2

Valentina

Valentina

David Byrne, il genio!

David Byrne, il genio!

Julia

Julia

smile!

smile!

vintage wedding

vintage wedding

Jump!

Jump!

maschera tra le maschere

maschera tra le maschere

6 Responses to “Libero Api”

  1. Luigi Bianconi says:

    grande tra i grandi!
    gigi

  2. Grande Libero.
    Sei motivo di orgoglio per un marchigiano come me

  3. Fiorella Lamnidis says:

    Le tue foto, oltre che essere ben fatte, sono un tripudio di colori e allegria Libero! Complimenti per tutto quello che fai e che non e’ poco ma soprattutto per la passione che ci metti!! Un’ abbraccio
    Fiore

  4. complimenti libero..! e a proposito di anni ‘50, permettetemi di linkare la mia gallery: http://ishotpix.com/2010/01/vintage-photoset-anni-50-backstage

  5. Claudia Perilli says:

    Ciao Libero.
    Ammiro molto tutto quello che fai con questo tuo “svago” forse è questo il segreto per renderla come tu la rendi, sempre fresca e allo stesso tempo intelligentemente interessante.
    Ed è vero, è bello parlare di fotografia con chi condivide questo comune denominatore.
    Mi piace questa selezione di immagini. A presto.

  6. Fausto Germanò says:

    Complimenti, immagini straordinarie.
    Curatissime nei dettagli, impeccabili nella tecnica, allegre nelle espressioni e nei colori.

Leave a Reply